istituto di storia della cultura materiale
 
“MERCATOR” 

“Vie di Mercanti, Città di Mercati nel Mediterraneo” (MERCATOR) è un progetto europeo ideato nel 2006 e concluso nel 2008 nell’ambito del Programma Interregg IIIB MEDOCC, un’iniziativa con finanziamenti europei finalizzata a stimolare la cooperazione internazionale tra i Paesi del Mediterraneo. 
Il progetto MERCATOR ha coinvolto prestigiose istituzioni di varie nazioni: Heritage Malta (Malta), capofila; Regione Liguria - Istituto di Storia della Cultura Materiale (ISCUM); Consorzio Pisa Ricerche; Regione Lazio; Università di Evora e Comune di Mértola (Portogallo); Diputacion de Alicante – MARQ (Spagna); Non-profit Organisation for Regional Development and Growth “Poseidon” (Grecia).

Tra gli obiettivi principali di questo progetto vi erano la condivisione di informazioni, la conoscenza e la valorizzazione delle architetture mercantili e delle antiche rotte commerciali marittime e terrestri del bacino del Mediterraneo dall’epoca romana ai giorni nostri.
I Paesi aderenti al progetto hanno ospitato vari workshop e convegni internazionali e, per rendere l’argomento accessibile al grande pubblico, è stato realizzato un portale web all’interno del quale sono fruibili percorsi tematici realizzati dai Paesi partner; è stata inoltre prodotta una pubblicazione internazionale (“Mercator Atlas”).
Per la Liguria, l’ISCUM ha elaborato una serie di approfondimenti riguardanti soprattutto le architetture mercantili della Liguria, la viabilità e la logistica mercantile della Liguria e le conseguenze che il commercio ha avuto sulla società ligure nel Medioevo e in Età Moderna.
Per saperne di più sul progetto MERCATOR e sui percorsi tematici realizzati on-line da ogni partner puoi visitare il sito www.mercatorproject.eu
http://www.mercatorproject.eushapeimage_3_link_0
“ANSER”

“Anciennes routes maritimes Méditerranéennes – Antiche rotte marittime del Mediterraneo” (ANSER) è un progetto europeo ideato nel 2002 e concluso nel 2004 nell’ambito del Programma Interregg IIIB MEDOCC, un’iniziativa con finanziamenti europei finalizzata a stimolare la cooperazione internazionale tra i Paesi del Mediterraneo. 
Il progetto ANSER ha coinvolto diverse prestigiose istituzioni di sette nazioni: Francia, Italia, Portogallo, Spagna, Malta, Algeria e Marocco. Tra i partners italiani si registrano anche la Regione Toscana con il Dipartimento delle politiche formative, delle attività e dei beni culturali, che è stato il capofila del progetto, e la Regione Liguria con l’Istituto di Storia della Cultura Materiale (ISCUM). 
I Paesi aderenti al progetto hanno ospitato vari workshop e convegni internazionali destinati allo scambio di esperienze e alla creazione di una rete internazionale stabile. 
Il progetto è nato dallo studio delle antiche rotte del Mediterraneo e alcuni degli obiettivi principali erano l’organizzazione in maniera sistematica dei dati raccolti sul patrimonio archeologico subacqueo collegato alla presenza di antichi porti e rotte commerciali, la valorizzazione di questo patrimonio attraverso la creazione di una rete di musei, parchi e scavi archeologici, e l’elaborazione di un sistema che unisca conservazione del patrimonio culturale con la gestione durevole delle risorse in un’ottica di sviluppo. 
L’attività scientifica è stata quindi dedicata alla creazione di un database comune, riguardante l’archeologia marittima, comprendendo anche tutto il repertorio di porti, approdi e relitti, e alla realizzazione di pubblicazioni e cartografia tematica. 
Per la Liguria, l’ISCUM ha censito i porti antichi e tutto il patrimonio storico-archeologico legato all’archeologia dei commerci avvenuti via mare nel Medioevo e nell’Età Moderna in Liguria.
Per saperne di più sul progetto ANSER e sugli approfondimenti sviluppati durante il convegno internazionale organizzato a Genova il 18-19 giugno 2004, è possibile consultare presso la biblioteca dell’ISCUM il volume “Rotte e porti del Mediterraneo dopo la caduta dell’Impero romano d’Occidente, Continuità e innovazioni tecnologiche e funzionali”, oppure consultare il sito: http://www.imedweb.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=128:anser-anciennes-routes-maritimes-mediterraneennes-antiche-rotte-marittime-mediterranee&catid=51:schede-progetti-attivita&Itemid=58&lang=it
http://www.imedweb.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=128:anser-anciennes-routes-maritimes-mediterraneennes-antiche-rotte-marittime-mediterranee&catid=51:schede-progetti-attivita&Itemid=58&lang=itshapeimage_4_link_0